Cinghiali
Cinghiali
Territorio

Parco Alta Murgia, la Regione finanzia il progetto della filiera del cinghiale

Quasi mezzo milione di euro per il progetto pilota di cattura e macellazione del cinghiale selvatico

Nell'ambito del programma Aiuti di Stato Italia (Puglia), decisione europea del 13.05.2019, per il "Sostegno a progetti pilota e allo sviluppo di nuovi prodotti, pratiche e tecnologie. Psr Puglia 2014-2020" Regione Puglia ammette e finanzia il progetto "Filiera pilota del cinghiale e degli ovicaprini nel Parco nazionale dell'Alta Murgia" con un importo di euro 499.292,65.

Il progetto, di importo 499.875,15 euro, è creato dall'Associazione temporanea di scopo Fi.Ci.P.A.M. avente l'Ente Parco dell'Alta Murgia come soggetto capofila, coinvolge anche l'Università degli Studi di Bari assieme a diverse aziende agricole del territorio, e ha rappresentanza esclusiva conferita a Francesco Tarantini, presidente del Parco.

Tra i costi delle diverse azioni da mettere in atto ci sono quelli per il personale 27.275,00 euro, materiali di consumo 51.900,00 euro, costruzione di prototipi in contesto aziendale 140.000,00, acquisizione di consulenze 23.532,40.

Come si legge nella Determinazione, il programma, da realizzare entro 24 mesi, è finalizzato a istituire per la prima volta in Puglia una filiera del cinghiale selvatico, catturando i soggetti in chiusini adeguati per standard di benessere animale, e introducendo la pratica della macellazione in loco utilizzando un nuovo impianto mobile strutturato per l'abbattimento sia dei cinghiali (il cui contenimento andrà a ridurre drasticamente il numero) che di piccoli ruminanti e dei suidi (fornendo un servizio certificato alle aziende"amiche del Parco").

Il Parco dell'Alta Murgia nasce il dieci marzo 2004, sede legale e amministrativa in Gravina di Puglia, grande 68.077 ettari, comprende dieci Comuni: Altamura, Andria, Bitonto, Cassano Murge, Corato, Gravina, Grumo, Minervino Murge, Poggiorsini, Ruvo di Puglia, Santeramo, Spinazzola, Toritto, dodici i dipendenti di cui tre part time, il totale del bilancio di previsione anno 2020 pari a 5.633.589,33 euro.

Dall'agosto 2019 è presieduto da Francesco Tarantini, già componente del Consiglio direttivo del Parco Alta Murgia, presidente di Legambiente Puglia e membro dell'Assemblea delegati di Legambiente.
  • parco nazionale alta murgia
  • cinghiali
Altri contenuti a tema
Allarme cinghiali nelle campagne, via libera all'abbattimento Allarme cinghiali nelle campagne, via libera all'abbattimento Anche nel nostro territorio, in esecuzione della sentenza della Corte Costituzionale
Ecoballe e rifiuti nelle cave, Tarantini: «Regione intervenga per recupero impianti dismessi» Ecoballe e rifiuti nelle cave, Tarantini: «Regione intervenga per recupero impianti dismessi» Cave usate come discariche a cielo aperto anche nel Parco Nazionale dell'Alta Murgia
Un logo per la candidatura a Geoparco UNESCO, il concorso del Parco Alta Murgia Un logo per la candidatura a Geoparco UNESCO, il concorso del Parco Alta Murgia Rivolto agli studenti pugliesi tra i 13 e i 19 anni
Reati nel Parco Alta Murgia in aumento del 40%, sanzioni per 370mila euro Reati nel Parco Alta Murgia in aumento del 40%, sanzioni per 370mila euro Rilevati incendi boschivi e una cava illegale in territorio di Minervino Murge
Nucleare, i 13 Comuni del Parco Alta Murgia elaborano le ragioni del "No" Nucleare, i 13 Comuni del Parco Alta Murgia elaborano le ragioni del "No" Sarà costituito anche un pull di esperti per motivare tecnicamente e scientificamente l'opposizione al deposito di rifiuti
I tesori geologici del Parco dell’Alta Murgia protagonisti del calendario 2021 I tesori geologici del Parco dell’Alta Murgia protagonisti del calendario 2021 Nell’agenda politica del nuovo anno: tutela della biodiversità, fruibilità del territorio e promozione del patrimonio geologico per entrare nella rete mondiale dei Geoparchi UNESCO
Alta Murgia: un Parco per api e farfalle Alta Murgia: un Parco per api e farfalle Al via il progetto di tutela degli impollinatori del Parco
Francesco Tarantini eletto nel consiglio direttivo di Federparchi Francesco Tarantini eletto nel consiglio direttivo di Federparchi Con lui anche il pugliese Corrado Tarantino
© 2001-2021 MinervinoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MinervinoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.