L'ex discarica Cobema al confine tra Canosa di Puglia e Minervino Murge
L'ex discarica Cobema al confine tra Canosa di Puglia e Minervino Murge
Cronaca

Nuovo filone d'indagine sulla discarica Cobema

Perquisizioni delle Fiamme Gialle nei confronti di 13 soggetti per le vicende relative all'impianto situato in territorio di Canosa ma al confine con Minervino Murge

Ci sono anche dei funzionari della Provincia Bat fra le 13 persone coinvolte nell'inchiesta della Procura della Repubblica di Trani che ha portato, nelle scorse ore, all'esecuzione di perquisizioni personali, locali e sequestri da parte delle Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Barletta. Sotto la lente d'ingrandimento degli inquirenti le vicende relative alla discarica di rifiuti Cobema di Canosa di Puglia, al confine con Minervino Murge, chiusa dal lontano 2005.

I finanzieri hanno compiuto perquisizioni in abitazioni, uffici pubblici e sedi aziendali tra i territori della Bat, del barese e della Provincia di Salerno. Le ipotesi di reato ventilate variano dalla truffa aggravata alla corruzione impropria, dalla corruzione propria alla concessione di subappalti non autorizzati. L'ultimo intervento effettuato prende le mosse da un'altra indagine condotta dalla Procura di Trani a carico dei due legali rappresentanti della discarica canosina, che risultano indagati per inquinamento ambientale e omessa bonifica. Secondo gli elementi acquisiti finora, alcuni pubblici ufficiali della Provincia avrebbero perpetrato attività fraudolente finalizzate a chiedere ed ottenere un finanziamento di 4.2 milioni di euro da parte del ministero della transizione ecologica relativo alle procedure di chiusura definitiva e post-gestione del sito. L'ipotesi è che gli indagati abbiano rappresentato, attraverso omissioni e condotte illecite, una realtà diversa, inducendo in errore il ministero competente ed eseguendo opere non necessarie, sprecando in questo modo fondi pubblici e lucrando sugli incentivi legati all'appalto.

Le indagini hanno, inoltre, consentito di raccogliere elementi relativi alla probabile concessione di appalti e subappalti non autorizzati, con la compiacenza dei pubblici ufficiali responsabili delle opere, e a diverse ipotesi, in corso di accertamento, di corruzione e truffa aggravata ascrivibili a pubblici ufficiali, imprenditori e professionisti. I finanzieri di Barletta avevano posto sotto sequestro – su disposizione della Procura tranese - l'area dell'ex discarica lo scorso 2 marzo, oltre ad una serie di documentazioni. L'inchiesta in corso sul presunto inquinamento ambientale causato negli anni nel territorio di Canosa di Puglia e Minervino Murge dal sito di raccolta dei rifiuti proseguirà con nuovi accertamenti anche a seguito di un incidente probatorio la cui relazione tecnica ha già documentato come la discarica abbia causato «un diffuso fenomeno di inquinamento ambientale, con copiosa presenza di percolato, accertato sia al di sotto della discarica che lungo i fianchi riversandosi in direzione dei circostanti uliveti». La perizia aveva evidenziato, inoltre, «criticità relative ad una fase successiva all'affidamento dei lavori di chiusura definitiva e post-gestione della discarica, con perdita di percolato ancora in corso». Ora, un nuovo filone di investigazioni inerente alla legittimità dei finanziamenti governativi ottenuti e al loro corretto utilizzo.
  • discarica
Altri contenuti a tema
Discarica di Tufarelle, nuova autorizzazione da Bat. Il Comune ricorre al TAR Discarica di Tufarelle, nuova autorizzazione da Bat. Il Comune ricorre al TAR Rigettato dal Consiglio di Stato, il progetto è stato ripresentato ottenendo parere favorevole alla VIA
Ecoballe sulla Murgia, scempio ambientale in territorio di Minervino Ecoballe sulla Murgia, scempio ambientale in territorio di Minervino Notevoli quantità di rifiuti abbandonati illecitamente
Discarica, Di Bari (M5S): "Si continuano a danneggiare i cittadini per favorire i gestori di discariche private Discarica, Di Bari (M5S): "Si continuano a danneggiare i cittadini per favorire i gestori di discariche private La dura posizione della consigliera pentastellata
Discarica, Mennea: “No all’ampliamento, non si danneggino ulteriormente i cittadini” Discarica, Mennea: “No all’ampliamento, non si danneggino ulteriormente i cittadini” La nota del consigliere regionale del Partito Democratico
Discarica Tufarelle: "Il Comune esca fuori dall'atteggiamento politicamente ambiguo" Discarica Tufarelle: "Il Comune esca fuori dall'atteggiamento politicamente ambiguo" Intervento dei Coordinatori del Nuovo PSI Alfonso Tricarico e dell'Italia dei Valori Sabino Rizzi
Discarica BLEU, il consigliere Borraccino chiede chiarimenti al governatore Emiliano Discarica BLEU, il consigliere Borraccino chiede chiarimenti al governatore Emiliano Avanzata la richiesta di togliere la delega alle Province circa l’autorizzazione all’ampliamento e ai nuovi impianti delle discariche speciali
Discarica Tufarelle, Caracciolo: «Ok verifiche ARPA, impegno a destinare somme per tutela ambientale» Discarica Tufarelle, Caracciolo: «Ok verifiche ARPA, impegno a destinare somme per tutela ambientale» L'assessore regionale torna sull'argomento ribadendo gli impegni della Regione
Discarica Tufarelle, la Regione diserta l'incontro Discarica Tufarelle, la Regione diserta l'incontro M5S: «disinteresse per il territorio»
© 2001-2022 MinervinoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MinervinoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.