Carriera
Carriera
Enti locali

Ai dipendenti ASL piace lo smart working ma chiedono strumenti e applicativi

I risultati del sondaggio della Asl Bt su smart working e ruolo dei social

La Asl Bt ha chiesto ai 322 dipendenti in smart working di rispondere a un questionario per analizzare il punto di vista del dipendente rispetto a questa modalità di lavoro e rispetto all'uso dei social come strumento di sostegno alla comunicazione interna.

Il sondaggio è stato lanciato il 5 maggio ed è stato lasciato attivo fino al 15 maggio: a essere coinvolti direttamente e in forma anonima sono stati i 322 dipendenti della Asl Bt che da marzo in poi hanno sperimentato forme anche ibride di smart working.

Lo smart working ha riguardato per lo più donne (62 per cento), l'età media è di 47 anni, si tratta per lo più di dipendenti non dirigenti (79,1 per cento) e di laureati (72,4 per cento). Lo smart working piace e consente di realizzare da casa la maggior parte della propria attività (78,1 per cento). Il "sentimento" si rileva positivo con minime incertezze sulle possibilità organizzative: gli aspetti da prendere in considerazione sono in genere collegati con il miglioramento della qualità della vita.

I dipendenti dichiarano di avere più tempo a disposizione e di concentrarsi meglio. Gli aspetti negativi invece sono legati agli strumenti e alle difficoltà organizzative: a mancare è l'interazione con i colleghi e con gli utenti. Le necessità dichiarate fanno riferimento all'accesso a tutti gli strumenti necessari per svolgere al meglio il proprio lavoro e alla urgenza di condividere nuove regole per l'organizzazione del lavoro. Dal punto di vista strumentale i dipendenti chiedono applicativi per condividere il lavoro con altri colleghi.

L'indagine ha analizzato anche il ruolo dei social e delle community: i dipendenti ritengono che i social siano molto utili per lo scambio di informazioni tra i colleghi, permettono un maggiore confronto, migliorano l'efficienza nella gestione delle task e migliorano il clima azienda.

La Asl Bt ha avviato lo Smart Working da marzo 2020: i sistemi informatici utilizzati consentono di realizzare da casa tutte le procedure amministrative.
  • Asl Bt
Altri contenuti a tema
Protocolli Covid, Asl Bt incontra i dirigenti delle scuole di Minervino e della Bat Protocolli Covid, Asl Bt incontra i dirigenti delle scuole di Minervino e della Bat Sul territorio saranno istituite 3 squadre di attività del dipartimento di prevenzione
Voto in sicurezza, il protocollo anti-Covid delle Asl per seggi e elettori in quarantena Voto in sicurezza, il protocollo anti-Covid delle Asl per seggi e elettori in quarantena Mascherine obbligatorie, ingressi contingentati e igienizzazione
Test sierologici per docenti, da oggi prenotabili al dipartimento di prevenzione Test sierologici per docenti, da oggi prenotabili al dipartimento di prevenzione Si potranno effettuare presso la sede centrale del dipartimento in viale Trentino 79 ad Andria
Stabilizzazioni Asl Bt, Fp Cgil: «Ora attenzione ai contratti flessibili» Stabilizzazioni Asl Bt, Fp Cgil: «Ora attenzione ai contratti flessibili» Fp Cgil Bat fa appello alla Asl per l'abolizione del precariato anche per altre tipologie contrattuali
Stabilizzazioni Asl Bt, firmati i primi 74 contratti a tempo indeterminato Stabilizzazioni Asl Bt, firmati i primi 74 contratti a tempo indeterminato Enza Memeo: «Presto la stabilizzazione di ulteriori 50 dipendenti»
Stabilizzazione precari Asl Bt, Emiliano alla firma dei contratti Stabilizzazione precari Asl Bt, Emiliano alla firma dei contratti Oggi, nella sala riunioni del PTA di Trani
Cabina di regia Asl Bt, Delle Donne «Messi in campo personale e strategie» Cabina di regia Asl Bt, Delle Donne «Messi in campo personale e strategie» Il Dirigente Generale Asl Bt in merito alla gestione delle prestazioni sanitarie post emergenza Covid-19
Liste d’attesa e assistenza territoriale, si riunisce la cabina di regia Asl Bt e sindacati Liste d’attesa e assistenza territoriale, si riunisce la cabina di regia Asl Bt e sindacati Cgil: «Per accorciare i tempi serve rafforzare gli organici e allungare gli orari di visita»
© 2001-2020 MinervinoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MinervinoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.