Puglia arancione
Puglia arancione
Attualità

Puglia in zona arancione, cosa si può fare e cosa no

Le restrizioni in vigore dal 17 gennaio. Prorogato al 30 aprile lo stato d'emergenza

Da domenica 17 gennaio la Puglia è in zona arancione. È quanto stabilito dal Ministro della Salute Roberto Speranza che ha appena firmato quattro nuove Ordinanze sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia (DM 30 aprile 2020), che si è riunita il 15 gennaio 2021.

«Le ordinanze sono costruite sulla base di dati oggettivi e indirizzi scientifici. Hanno la finalità di contenere il contagio in una fase espansiva dell'epidemia. Per questo rispettarle è decisivo se non si vuol perdere il controllo del contagio» - ha dichiarato il Ministro.

Lo aveva già anticipato l'assessore regionale alla sanità Pier Luigi Lopalco spiegando come molte regioni avevano richiesto un inasprimento delle misure «Il Ministero della Salute e l'istituto superiore di sanità hanno cambiato i parametri per l'assegnazione di questi famosi colori per cui da oggi è più semplice passare in zona arancione e in zona rossa. Sicuramente andiamo verso l'arancione anche perchè questa decisione è stata presa di concerto con il governo».

Non lasciavano dubbi neanche gli ultimi dati del monitoraggio del 15 gennaio che ha visto la Puglia registrare un Rt pari a 1,14 che ha sancito il declassamento nella fascia intermedia di rischio.

La Puglia si inserisce quindi in zona arancione a partire dal 17 gennaio e fino al 31 gennaio, insieme a Abruzzo, Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Veneto, Piemonte, Umbria, Valle d'Aosta. Si collocano in area gialla Campania, Basilicata, Molise, Provincia autonoma di Trento, Sardegna, Toscana. Vanno in area rossa Lombardia, Provincia Autonoma di Bolzano, Sicilia.

Cosa si può fare e cosa no


Spostamenti
Gli spostamenti sono consentiti solo all'interno del proprio Comune, dalle 5 alle 22.

Gli spostamenti fuori dal proprio Comune o dalla propria Regione saranno consentiti solo in casi giustificati, per motivi di lavoro, salute o necessità, per i quali servirà l'autocertificazione.
In tutta Italia resta il divieto di uscita notturna dalle 22 alle 5: anche per gli spostamenti in questi orari sarà quindi necessaria l'autocertificazione. È sempre permesso il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione, tranne che per le seconde case fuori dalla regione o provincia autonoma.

Chi vive in un Comune fino a 5mila abitanti può spostarsi liberamente, tra le 5 e le 22, entro i 30 chilometri dal confine del proprio Comune (quindi eventualmente anche in un'altra regione o provincia autonoma), con il divieto però di recarsi in capoluoghi di provincia.

Sono consentite, solo nel territorio comunale, le visite ad amici e parenti, una sola volta al giorno, e con il limite massimo di due persone (esclusi i minori di 14 anni).

Bari, ristoranti e negozi
Bar e ristoranti possono aprire solo per effettuare servizio d'asporto o consegna a domicilio. Il nuovo Dpcm ha poi aggiunto una nuova restrizione: l'asporto dai bar sarà possibile fino alle 18, e quindi da quell'ora in poi gli esercenti possono lavorare solo con servizio di consegna a domicilio.

L'ingresso e la permanenza in bar e ristoranti da parte dei clienti sono consentiti esclusivamente per il tempo strettamente necessario ad acquistare i prodotti per asporto e sempre nel rispetto delle misure di prevenzione del contagio. Non sono comunque consentiti gli assembramenti né il consumo in prossimità dei locali.

I negozi al dettaglio sono aperti, mentre per quanto riguarda i centri commerciali, possono restare aperti dal lunedì al venerdì, e devono chiudere nei weekend, nei festivi e prefestivi. L'apertura dei negozi è consentita fino alle 21.

Musei, cinema, teatri e palestre
Restano chiusi i musei, così come i cinema, i teatri, le palestre e le piscine. È possibile praticare attività sportiva purché all'interno del proprio comune e all'aperto.

Il Consiglio dei Ministri, approvando il decreto-legge "Ulteriori disposizioni urgenti in materia di contenimento e prevenzione dell'emergenza epidemiologica da Covid-19 e di svolgimento delle elezioni per l'anno 2021" nella seduta del 13 gennaio, ha prorogato al 30 aprile 2021 lo stato di emergenza.
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Covid, aumento dei contagi: oltre 1100 casi su 10mila tamponi Covid, aumento dei contagi: oltre 1100 casi su 10mila tamponi Si registrano 27 decessi di cui uno nella Bat
Coronavirus, 991 casi in Puglia su quasi 11mila test Coronavirus, 991 casi in Puglia su quasi 11mila test Si registrano anche 24 decessi
Covid, cala la percentuale di contagio: 823 casi su 12mila tamponi Covid, cala la percentuale di contagio: 823 casi su 12mila tamponi In Puglia si registrano 32 decessi
Covid, un milione e mezzo di test effettuati da inizio pandemia in Puglia. 343 nuovi positivi Covid, un milione e mezzo di test effettuati da inizio pandemia in Puglia. 343 nuovi positivi Scende il numero dei contagiati. Sono 17 i nuovi decessi
Covid, 758 casi positivi su 7mila tamponi Covid, 758 casi positivi su 7mila tamponi Si registrano anche 6 decessi
Coronavirus, 905 casi e 23 decessi in Puglia. 8 i morti nella Bat Coronavirus, 905 casi e 23 decessi in Puglia. 8 i morti nella Bat Positivo un test su 10
Coronavirus, 52 i casi accertati a Minervino Coronavirus, 52 i casi accertati a Minervino L'aggiornamento della sindaca
Covid, la Puglia resta gialla ma preoccupano le varianti Covid, la Puglia resta gialla ma preoccupano le varianti Cambia la mappa dell'Italia
© 2001-2021 MinervinoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MinervinoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.