medici
medici
Attualità

«Pochi medici e infermieri», i sindacati lanciano l'allarme

Nei prossimi 6 anni 1600 medici lasceranno gli ospedali pugliesi

L'USPPI Puglia lancia l'allarme: le prestazioni sanitarie pugliesi potrebbero essere compromesse con ricadute negative sui pazienti, e questo a partire da quest'anno a causa della "voragine" che si sta per creare dovuta ai pre-pensionamenti di infermieri e medici legati alla "quota 100" oltre ai pensionamenti naturali per età per circa 4000 infermieri – denuncia il segretario nazionale dell'Usppi Nicola Brescia eletto sabato scorso per acclamazione. Un allarme lanciato altresì dalla Federazione degli Ordini delle professioni infermieristiche (ENOPI) che ha già comunicato che 818 infermieri smetteranno di lavorare entro la fine dell'anno perché hanno già informato del proprio prepensionamento. Un grido d'allarme dei 3 presidenti dell'OPI di Bari, BAT e Brindisi che ha indotto gli stessi a scrivere al Governatore Pugliese Emiliano affinché si provveda immediatamente al reclutamento del personale infermieristico per far fronte alle criticità che si andranno a palesarsi a breve negli ospedali pugliesi.

" La fuoriuscita dal mondo del lavoro a breve di circa 20 mila unità tra medici e infermieri per la quota 100 oltre alle circa 50.000 unità che già mancano al servizio sanitario nazionale ci preoccupa moltissimo, in particolare per la Puglia si prevede che nei prossimi 6 anni oltre 1600 medici lasceranno gli ospedali pugliesi, in particolare il Di Venere ed il San Paolo e il problema è più che serio se si pensa che i concorsi banditi per i medici vanno deserti soprattutto per alcune figure come pediatri, ortopedici, anestetisti ecc. Occorre sbloccare la situazione in particolare per quanto riguarda il finanziamento delle borse di specializzazione per i giovani medici attualmente intrappolati da un sistema che non consente ai posti di specializzazione, aumentando paradossalmente la schiera degli inoccupati con fughe all'estero. Siamo allarmati per i pazienti e ci appelliamo al Governatore Emiliano per trovare soluzioni immediate atte a garantire il personale infermieristico necessario al soddisfacimento dei bisogni" – dichiara il Segretario Nazionale dell'Usppi Nicola Brescia.
  • sanità
Altri contenuti a tema
«La Regione istituisca la figura dell'infermiere di famiglia» «La Regione istituisca la figura dell'infermiere di famiglia» La richiesta degli ordini delle professioni infermieristiche di Bari, Bat e Brindisi
Covid19 e sanità, Spi Cgil: «Riqualificare strutture di Minervino e Spinazzola» Covid19 e sanità, Spi Cgil: «Riqualificare strutture di Minervino e Spinazzola» Il segretario generale dei pensionati Felice Pelagio analizza la situazione della sanità pubblica nell’emergenza covid-19
Precari della sanità, Fp Cgil: «Traditi dalle azioni di governo» Precari della sanità, Fp Cgil: «Traditi dalle azioni di governo» Fp Cgil Bat in una nota a firma di Luigi Marzano e Rosa Matera
Esame per Operatore socio-sanitario anche per chi non ha finito il tirocinio Esame per Operatore socio-sanitario anche per chi non ha finito il tirocinio Leo: «Doveroso permettere ai giovani di iniziare a lavorare»
Ricoveri, visite ed esami: «Graduale ripresa delle prestazioni sanitarie» Ricoveri, visite ed esami: «Graduale ripresa delle prestazioni sanitarie» Priorità ai pazienti in lista di attesa in base a patologia e condizione clinica
Il fascicolo sanitario diventa elettronico e si può attivare in farmacia Il fascicolo sanitario diventa elettronico e si può attivare in farmacia Servirà a semplificare i processi per l'erogazione della ricetta
Prorogata la sospensione della attività sanitarie non urgenti Prorogata la sospensione della attività sanitarie non urgenti Fino a ulteriore e contraria disposizione regionale
Coronavirus, in farmacia con tessera sanitaria e senza ricetta cartacea Coronavirus, in farmacia con tessera sanitaria e senza ricetta cartacea È sufficiente richiedere al medico il numero di ricetta elettronica
© 2001-2020 MinervinoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MinervinoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.