sanità pugliese
sanità pugliese
Cronaca

I medici nella Bat sono pochi: negli ospedali interventi chirurgici fino al venerdì

Nuove disposizioni della Asl. Il Pronto Soccorso di Canosa solo punto di primo intervento

Sembra sia solo l'inizio. Nella Asl Bt la norma (contenuta nell'articolo 14 della legge 161/2014) che prevede un nuovo tetto all'orario di lavoro dei medici ha fatto venire a galla l'inevitabile: i medici non bastano. La carenza era già nota prima che intervenisse la nuova disposizione. Ora, però, il direttore generale Ottavio Narracci ha chiesto ai responsabili del personale di compiere una ricognizione negli ospedali della Asl Bat. Da questa emerge che le situazioni di non conformità sono «appena sette» e sono «riconducibili a condizioni di contesto organizzativo ben precise, sin da subito oggetto di disposizioni correttive da parte della direzione aziendale», è spiegato in un documento inviato dal dg Narracci al dirigente del Programma assistenza operativa ospedaliera (Paos) del dipartimento di Promozione della Salute della Regione Puglia.

Più complicata la parte che riguarda l'organizzazione dei presìdi ospedalieri, per la quale la direzione generale ha disposto l'estensione della guardia divisionale ed interdivisionale in tutti gli ambiti possibili. Ma sono comunque necessarie 40 unità mediche di varie specialità. La misura più drastica riguarda la disposizione a limitare l'apertura delle sale operatorie dal lunedì al venerdì, mentre sabato e domenica si potranno eseguire solo gli interventi d'urgenza. E' stata poi disposta la soppressione della "pronta disponibilità" dei tecnici sanitari di laboratorio biomedico dei plessi di Canosa e Trani. Questo vuol dire che i turni di guardia per gli esami saranno unificati, rispettivamente, a quelli dei presìdi di Andria e Bisceglie. Prevista anche la razionalizzazione di alcuni servizi del presidio Andria-Canosa: in particolare sarà abolita la pronta disponibilità di Chirurgia plastica ad Andria; chiusa la Orto-Geriatria di Canosa, che sarà accorpata definitivamente all'Ortopedia di Andria; saranno anche unificate la pronta disponibilità di Oculistica di Canosa con quella di Andria; mentre il pronto soccorso di Canosa diventerà un punto di primo intervento (mantenendo comunque i posti letto per acuti che non potrebbero essere trasferiti ad Andria).

Cambiamenti simili anche per Bisceglie e Trani. Si va sempre più verso la trasformazione del pronto soccorso di Trani in punto di primo intervento, operazione che sarà realizzata non appena la Terapia intensiva sarà trasferita da Trani a Bisceglie (entro 60 giorni). In seguito a questo spostamento, anche i posti letto per acuti saranno trasferiti da Trani al presidio Bisceglie per Medicina interna e Gastroenterologia; in cambio Bisceglie vedrà dimezzarsi (da 40 a 20) i posti letto di Malattie infettive.

La direzione generale vorrebbe assegnare al servizio 118 anche la gestione dei trasporti secondari, in modo da ridurre drasticamente il ricorso alla pronta disponibilità integrativa dei reparti di degenza e del pronto soccorso.
  • asl BAT
Altri contenuti a tema
Campagna vaccinale nella Bat, Fials: "Operatori non retribuiti per prestazione aggiuntiva" Campagna vaccinale nella Bat, Fials: "Operatori non retribuiti per prestazione aggiuntiva" La Fials pronta ad adire le vie legali
Presentato il nuovo ospedale di Andria, Emiliano: "Obiettivo, un Policlinico della Bat" Presentato il nuovo ospedale di Andria, Emiliano: "Obiettivo, un Policlinico della Bat" Il progetto illustrato a Castel del Monte
Una nuova ambulanza per Minervino Murge Una nuova ambulanza per Minervino Murge Le dichiarazioni del dg Alessandro Delle Donne
Al via in Puglia la campagna di vaccinazione antinfluenzale Al via in Puglia la campagna di vaccinazione antinfluenzale Proseguirà almeno fino a tutto il mese gennaio 2021
Scuola, dalla Asl Bt un questionario di autovalutazione per la prevenzione da Covid-19 Scuola, dalla Asl Bt un questionario di autovalutazione per la prevenzione da Covid-19 Formate anche squadre dedicate che interverranno in caso di necessità
DiversaMente prendersi cura, sabato il secondo modulo del corso di alta formazione DiversaMente prendersi cura, sabato il secondo modulo del corso di alta formazione Opportunità di confronto in un percorso formativo in modalità webinar
USCA, solo 26 medici di continuità assistenziale hanno aderito al bando USCA, solo 26 medici di continuità assistenziale hanno aderito al bando Solo 2 nella Bat. Montanaro: «Sono pochi, dovremo integrare gli organici con strategie alternative»
Precari in prima linea contro il coronavirus, «chiediamo stabilità lavorativa» Precari in prima linea contro il coronavirus, «chiediamo stabilità lavorativa» Lettera aperta di 66 Operatori Socio Sanitari della Asl Bat
© 2001-2021 MinervinoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MinervinoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.