danni causati dal maltempo
danni causati dal maltempo
Territorio

Forte ondata di maltempo, rischio idrogeologico per tutta la Bat

Necessari interventi contro i danni da cambiamenti climatici

La forte ondata di maltempo con rovesci e nubifragi che si sono abbattuti sulla Puglia dopo un novembre bollente hanno allagato i campi, creando veri e propri torrenti di acqua e aumentando il già pesante rischio idrogeologico. È quanto denuncia Coldiretti Puglia che segnala il peggioramento delle condizioni meteorologiche, secondo l'allerta meteo arancione della Protezione civile con temporali di forte intensità e venti da forti a burrasca dai quadranti meridionali.

«A Laterza in provincia di Taranto un fiume di acqua ha allagato le campagne, trascinando cumuli di terra e fango. Il clima pazzo sta contribuendo a consumare il suolo per il 67,5% in contesti prevalentemente agricoli o naturali, depauperando pezzi di territorio e deturpando il paesaggio, oltre ad impoverire il tessuto imprenditoriale agricolo pugliese», denuncia Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

Il rischio idrogeologico, con differente pericolosità idraulica e geomorfologica, riguarda il 100% dei comuni della BAT, il 95% dei territori di Brindisi e Foggia, il 90% dei comuni della provincia di Bari e l'81% dei comuni leccesi e sono 8.098 i cittadini pugliesi esposti a frane e 119.034 quelli esposti ad alluvioni, secondo le elaborazioni di Coldiretti Puglia sulla scorta dei dati ISPRA.

Siamo di fronte alle evidenti conseguenze dei cambiamenti climatici, dove l'eccezionalità degli eventi atmosferici è ormai la norma, con una tendenza alla tropicalizzazione che – aggiunge Coldiretti Puglia – si manifesta con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo, con sbalzi termici significativi che compromettono le coltivazioni nei campi con costi per oltre 3 miliardi di euro in Puglia in un decennio, tra perdite della produzione agricola e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne.

Servono – conclude Coldiretti Puglia – interventi di manutenzione, risparmio, recupero e riciclaggio delle acque, campagne di informazione ed educazione sull'uso corretto dell'acqua e un piano infrastrutturale per la creazione di invasi che raccolgano tutta l'acqua piovana che va perduta e la distribuiscano quando ce n'è poca.
  • coldiretti puglia
Altri contenuti a tema
Allarme inquinamento, Coldiretti Puglia: «Con fondi UE creare foreste urbane» Allarme inquinamento, Coldiretti Puglia: «Con fondi UE creare foreste urbane» Le province pugliesi nella classifica delle città con il tasso di mortalità da particolato fine
Un sostegno per i 5500 giovani pugliesi alla guida di imprese agricole Un sostegno per i 5500 giovani pugliesi alla guida di imprese agricole Coldiretti Giovani Impresa Puglia discute di fondi strutturali e Next Generation EU con gli assessori Delli Noci e Pentassuglia
Grano verde, il nuovo superfood cresce sulla Murgia Grano verde, il nuovo superfood cresce sulla Murgia In Puglia si afferma la coltivazione del Freekeh con le sue eccellenti proprietà salutistiche
Zona arancione, crack da 750milioni per ristorazione e agroalimentare Zona arancione, crack da 750milioni per ristorazione e agroalimentare L'analisi di Coldiretti Puglia sulle conseguenze delle restrizioni
Coldiretti: «Tari 2021 azzerata per gli agriturismi chiusi per Covid» Coldiretti: «Tari 2021 azzerata per gli agriturismi chiusi per Covid» L'appello rivolto ad ANCI: «Servono misure coerenti e ristori immediati»
Piogge intense, in Puglia danni ai terreni e grave dispersione idrica Piogge intense, in Puglia danni ai terreni e grave dispersione idrica Prioritaria la realizzazione di una grande rete di bacini diffusi
Olio EVO, in Puglia aumenta la produzione ma urge Piano Olivicolo Nazionale Olio EVO, in Puglia aumenta la produzione ma urge Piano Olivicolo Nazionale La nostra regione produce oltre il 50% dell'evo italiano ma manca strategia e promozione coordinata della filiera
Lockdown natalizio, grave crollo del fatturato per la ristorazione pugliese Lockdown natalizio, grave crollo del fatturato per la ristorazione pugliese Ristoranti e agriturismi in difficoltà per il perdurante scenario di incertezza
© 2001-2021 MinervinoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MinervinoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.