coldiretti puglia
coldiretti puglia
Territorio

Coldiretti incontra Emiliano: «Recuperare inefficienze e rastrellare risorse»

Coldiretti: «Filiere in crisi e eccesso di burocrazia». Al via un piano di rigenerazione agricola

Elezioni Regionali 2020
«Bisogna voltare pagina in fretta, con un deciso cambio di passo di tutta l'amministrazione regionale, perché vengano recuperati in fretta i ritardi e le inefficienze e venga ridata centralità all'agricoltura, a cui finora non sono state date risposte univoche e concrete», così il presidente regionale Savino Muraglia ha aperto l'incontro della Giunta di Coldiretti Puglia con il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano.

«Rastrellare risorse è possibile e rimodulare è l'unica strada per non perdere le risorse del PSR, scongiurando di mettere a rischio la deroga che la Regione Puglia ha già avuto dall'UE. Devono essere utilizzati gli 800 milioni di euro di risorse del PSR ancora non spesi per una quota dei quali si rischia il disimpegno. Ora quelle risorse potrebbero essere impegnate nell'annualità 2020», ha aggiunto il presidente Muraglia.

Coldiretti ha proposto un Piano Marshall Puglia per l'agricoltura, perché in attesa che anche Bruxelles apra il cantiere per definire misure forti, occorre agire e con tempestività per sostenere l'agricoltura e l'agroalimentare pugliesi che stanno pagando a caro prezzo l'emergenza Coronavirus.

Al via, intanto, il percorso tra Regione Puglia e Ministero delle Politiche agricole – secondo quanto riferito dal Direttore dell'Assessorato all'Agricoltura regionale Nardone alla Giunta di Coldiretti Puglia - per usare i 20 milioni di euro della misura della diversificazione del Piano per la Rigenerazione del Salento per finanziare la sottomisura 4.1C del PSR per investimenti per la redditività, la competitività e la sostenibilità delle aziende olivicole della zona infetta colpita dalla Xylella, con la necessaria accelerata nella scrittura dei bandi che possano finalmente permettere al Salento di tornare a lavorare e a produrre.

«Se è vero che l'agricoltura e l'agroalimentare hanno tenuto duro durante l'emergenza Coronavirus, non si può negare - ha detto il direttore di Coldiretti Puglia, Pietro Piccioni - che molte filiere siano in profonda crisi. Come Coldiretti abbiamo lanciato l'allarme sui rischi che si corrono dal settore vitivinicolo all'olivicoltura, dalla pesca fino al lattiero – caseario, dove è urgente la delibera di Giunta che definisca tempi e modalità per assegnare i 2 milioni di euro agli allevatori e ai caseifici destinati con la legge regionale già approvata. Sono migliaia le attività che rischiano la debacle, in un contesto aggravato dalla lunga gestione commissariale dei Consorzi di Bonifica. Ma è Sos anche per molte attività che rientrano tra quelle che integrano la produzione, meglio note come "attività connesse".

L'agriturismo in primis – ha incalzato il direttore Piccioni - che ha bisogno di una forte iniezione di liquidità dopo mesi di forzato lockdown. Le nostre imprese non possono essere lasciate sole, devono essere sostenute. Sono fondamentali sul piano economico e sociale».

Sono oltre 300 le fattorie didattiche e gli agriturismi presenti nelle campagne pugliesi che possono accogliere durante l'estate i bambini in sicurezza con attività ricreative ed educative a contatto con la natura nei grandi spazi all'aria aperta usufruendo del bonus baby sitter, per cui Coldiretti Puglia ha chiesto una riunione operativa per aprire alle famiglie e ai bambini dopo un approfondimento con il prof. Lopalco, epidemiologo e consulente della Regione Puglia, mentre sono fondamentali servizi ad hoc per i 63 mila coltivatori diretti pensionati – ha concluso Coldiretti Puglia - con un'altissima percentuale di pensioni integrate al minimo.

L'eccesso di burocrazia è una delle cause delle difficoltà di utilizzare i contributi europei, per questo Coldiretti Puglia ha chiesto una decisa sburocratizzazione, dando attuazione immediata allo strumento della semplificazione in agricoltura, per superare i mille vincoli burocratici, spendere subito e far recuperare competitività alle imprese agricole pugliesi.
  • agricoltura
  • coldiretti
Altri contenuti a tema
Criminalità nelle campagne, la Bat tra le province con più alta penetrazione Criminalità nelle campagne, la Bat tra le province con più alta penetrazione Le mafie condizionano molti aspetti del sistema produttivo in agricoltura
Cresce il numero di aziende agricole. Nella BAT sono 8.857 Cresce il numero di aziende agricole. Nella BAT sono 8.857 I dati di Cia Puglia come riporta lo studio dell’Osservatorio Economico di Davide Stasi
Aumento temperature, Coldiretti: «Allarme siccità in Puglia» Aumento temperature, Coldiretti: «Allarme siccità in Puglia» Persi 100 milioni di metri cubi di acqua, si aggrava il rischio desertificazione
Agricoltura 4.0, Coldiretti: «Innovazione strategica post Covid ma manca la banda larga» Agricoltura 4.0, Coldiretti: «Innovazione strategica post Covid ma manca la banda larga» Soltanto il 40% delle imprese in Puglia ha accesso facile alla rete ad alta velocità
Rete lavoro agricolo di qualità, nella Bat solo 8 aziende iscritte Rete lavoro agricolo di qualità, nella Bat solo 8 aziende iscritte Flai Cgil Bat: «Numero troppo basso. È uno strumento indispensabile contro il sommerso e le illegalità»
Calano gli infortuni in agricoltura, ma serve semplificazione burocratica Calano gli infortuni in agricoltura, ma serve semplificazione burocratica Il tema al centro di un incontro con il direttore di INAIL Bari
Siccità, Coldiretti: «Servono infrastrutture per non disperdere l’acqua piovana» Siccità, Coldiretti: «Servono infrastrutture per non disperdere l’acqua piovana» Puglia a rischio desertificazione e reti colabrodo, perso l’89% della pioggia caduta
I sindacati chiedono la ripresa della Rete del Lavoro Agricolo di Qualità I sindacati chiedono la ripresa della Rete del Lavoro Agricolo di Qualità Flai Cgil, Fai Cisl e Uila scrivono all’Inps per sollecitare una riunione dopo il lockdown
© 2001-2020 MinervinoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MinervinoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.