Ristorante
Ristorante
Attualità

Cibo e salute, 4 pugliesi su 10 sono in sovrappeso e obesi

La cattiva alimentazione influisce anche sul clima. «Attenzione alle abitudini dei giovani»

Sono in sovrappeso e obesi 4 pugliesi su 10, con una condizione generale di salute peggiore del dato nazionale. È quanto emerso da un'analisi di Coldiretti Puglia, sulla base dei risultati della 'Sorveglianza Passi' del Ministero della Salute, diffusa in occasione dell'incontro su obesità e allergie alimentari organizzato da UIL e UILA Foggia.

"Secondo uno studio condotto da esperti dell'Università di Copenaghen, dell'Alabama e dell'ateneo di Auckland in Nuova Zelanda, l'obesità incide anche sul clima, perché essere in sovrappeso comporta la produzione di una maggiore quantità di emissioni di CO2 sia per via dei processi metabolici dell'organismo sia per via dell'eccesso di cibo consumato da chi soffre di obesità", ha detto il direttore regionale di Coldiretti Puglia, Pietro Piccioni.

L'effetto nefasto di una cattiva alimentazione non è solo l'obesità, perché secondo l'American Institute for Cancer Research le cattive abitudini alimentari sono responsabili di circa tre tumori su dieci.

La ricerca sta dimostrando che stare in una zona di equilibrio attraverso la sana e corretta alimentazione crea le condizioni per ammalarsi di meno e soprattutto di curarsi meglio. Secondo i dati AIRC in Puglia è stato superato il 58% delle cure per tutti i tumori a 5 anni, un dato incredibile se si considera che negli anni '90 la percentuale si attestava sul 30/35% - aggiunge Coldiretti Puglia - anche grazie ad un regime sano nell'alimentazione e con la dieta mediterranea e il cibo a KM0 l'incidenza dei tumori allo stomaco è inferiore del 27% rispetto alle regioni del Nord Italia, del 30% in meno di tumori al pancreas e del 50% in meno di cancro al fegato e le abitudini di consumo vanno impostate correttamente sin dall'età scolare.

Per aiutare tutto il sistema scolastico e le famiglie ad alimentare al meglio le giovani generazioni e l'intero nucleo familiare, da anni il Progetto di Educazione alla Campagna Amica ha agevolato l'incontro tra i bambini e i prodotti agricoli 'fatti' dagli agricoltori. In Puglia negli ultimi 10 anni sono stati coinvolti nel progetto delle masserie didattiche 90mila bambini e 270 scuole.

"L'attenzione a come si alimentano i ragazzi al di fuori delle mura domestiche – ha aggiunto Piccioni - è un preciso dovere di tutti, a partire dagli enti locali - Comuni, Province e Regioni - delle istituzioni scolastiche che dovrebbero preferire i prodotti tipici e tradizionali non solo per i pranzi somministrati agli alunni, ma anche per i brevi momenti di ristoro, dei pediatri che dovrebbero consigliare, sin dai primi anni di vita dei bambini una corretta alimentazione, magari indirizzando le mamme verso cibi che siano costruiti il meno possibile 'in laboratorio', piuttosto in casa".
Numerosi i progetti che vedono coinvolti Coldiretti, il Servizio Consumatori della Regione Puglia e l'Istituto Pugliese per il consumo, utili a formare e informare i consumatori sulle proprietà benefiche dei prodotti agroalimentari a KM0 che tutelano la salute e anche l'ambiente.

Ciò dimostra l'importanza prioritaria di formare una vera e propria cultura della 'buona e sana tavola', educazione che deve partire necessariamente dall'età scolare per formare consumatori maturi per vivere meglio e più a lungo. I prodotti tradizionali e tipici rispondono all'esigenza di garantire sicurezza alimentare, tutela ambientale e salvaguardia della storia e del patrimonio di tradizioni del territorio.

L'idea dei Mercati contadini di Campagna Amica nasce proprio dall'esigenza di far incontrare i produttori e i consumatori in un mercato senza alcuna intermediazione al fine di calmierare i prezzi e creare maggiore potere di acquisto a beneficio dei consumatori che grazie alla vendita diretta hanno garanzia della sicurezza sull'origine, della qualità e del prezzo.
L'obiettivo di Coldiretti e Campagna Amica è 'culturale' e consiste nel tentativo di cambiare abitudini di consumo sbagliate che si sono diffuse ovunque, formando consumatori consapevoli sui principi della sana alimentazione e della stagionalità dei prodotti.
  • coldiretti puglia
Altri contenuti a tema
Il Covid blocca l'export di vini e spumanti, perdita da 230milioni Il Covid blocca l'export di vini e spumanti, perdita da 230milioni Coldiretti: «Colpo di grazia per il settore col lockdown di Natale»
DL Ristori, bonus filiera Made in Italy anche per agriturismi e ittoturismi DL Ristori, bonus filiera Made in Italy anche per agriturismi e ittoturismi Registrata perdita di fatturato di oltre 700 milioni di euro
Forte ondata di maltempo, rischio idrogeologico per tutta la Bat Forte ondata di maltempo, rischio idrogeologico per tutta la Bat Necessari interventi contro i danni da cambiamenti climatici
Covid, crack da 5 milioni per le stalle pugliesi. «Urge supporto filiera lattiero-casearia» Covid, crack da 5 milioni per le stalle pugliesi. «Urge supporto filiera lattiero-casearia» L'allarme lanciato da Coldiretti
I regali di Natale diventano contadini, buoni pranzo ed esperienze in agriturismo I regali di Natale diventano contadini, buoni pranzo ed esperienze in agriturismo Un modo per aiutare gli 876 agriturismi pugliesi
Aziende agricole a rischio chiusura, impedire vendite sottocosto Aziende agricole a rischio chiusura, impedire vendite sottocosto Coldiretti richiama la necessità di controllo del governo sulle pratiche commerciali sleali
Coltivazione della canapa in Puglia, la Corte UE apre al futuro dell'agricoltura Coltivazione della canapa in Puglia, la Corte UE apre al futuro dell'agricoltura Coldiretti: «Sentenza su libera circolazione di olio di cannabidiolo apre nuove opportunità per centinaia di aziende agricole»
Rischio perdita di fondi europei per l'agricoltura, siglato accordo Agea-Coldiretti Rischio perdita di fondi europei per l'agricoltura, siglato accordo Agea-Coldiretti Obiettivo è ridurre la burocrazia per garantire supporto alle aziende agricole
© 2001-2020 MinervinoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MinervinoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.