Grotte Montenero Dellisanti
Grotte Montenero Dellisanti
Territorio

Chiuse e trattate come discariche, le grotte di Minervino Murge finiscono nell'oblio

Dellisanti: «Potrebbero rappresentare fonte di attrazione per il turismo speleologico»

Furono scoperte nel 2005, ma da allora nulla è stato fatto per le Grotte Montenero-Dellisanti, un suggestivo geosito di natura carsica localizzato nei pressi di Minervino Murge. Già sulle pagine del Viva Network oltre 10 anni fa approfondivamo la loro storia grazie alle ricostruzioni del loro scopritore, il geologo e professore barlettano Ruggiero Maria Dellisanti.

Un susseguirsi di fenomeni carsici molto suggestivi, ma ad oggi profondamente cadute nell'oblio: le Grotte Montenero-Dellisanti sono annoverate nel catasto regionale delle grotte pugliesi e tutelate con un apposito decreto pubblicato sul B.U.R.P. n. 155 del 15/12/2005. Si tratta di sette ipogei carsici, inclusi tra i 45 presenti nel solo territorio di Minervino Murge e parte del patrimonio di circa 3.000 ipogei carsici nell'intera Regione Puglia: una incommensurabile bellezza naturale, tutelata dalla legge ma, nel caso specifico, mai valorizzata in alcun modo.

«La tutela del patrimonio carsico, oltre a rappresentare la conservazione del territorio e dell'habitat regionale a disposizione per le future generazioni, potrebbe innescare anche una fonte di attrazione turistica di nicchia quale potrebbe essere il turismo speleologico» riferisce il professor Dellisanti. «Tutte le cavità carsiche sono censite nel catasto regionale delle grotte pugliesi con precise indicazioni sulla localizzazione e ampia descrizione delle particolarità e delle criticità che ovviamente sono presenti perché in passato "i buchi del terreno" erano considerati luoghi dove riversare rifiuti di ogni genere. Minervino Murge ha un patrimonio carsico di tutto rispetto che purtroppo ad oggi è inaccessibile al comune visitatore e in alcuni casi anche ricettacolo di rifiuti come risulta documentato dalle note delle schede catastali».

«Nonostante le numerose sollecitazioni e le segnalazioni sullo stato di degrado in cui versa il patrimonio ipogeo, da parte delle amministrazioni locali non è stata mai intrapresa alcuna attività, considerando che nel frattempo si sono succeduti quattro sindaci, e purtroppo si sottovalutano le potenzialità economiche che potrebbero derivarne».

Nel periodo di quasi 20 anni trascorso dalla loro scoperta, sono stati realizzati convegni, approfondimenti, articoli giornalistici, ma all'atto pratico non è stata neppure effettuata una ricognizione per verificare lo stato dei luoghi e soprattutto monitorare l'eventuale presenza di rifiuti e nel caso procedere alla loro rimozione.

«È auspicabile che le associazioni, l'Ente Parco dell'Alta Murgia, CAI o il FAI - conclude Dellisanti - possano creare un risveglio di coscienze e interesse nella tutela e valorizzazione del territorio».
  • ambiente
Altri contenuti a tema
Minervino Murge aderisce all’iniziativa “M'illumino di meno”, la giornata del risparmio energetico Minervino Murge aderisce all’iniziativa “M'illumino di meno”, la giornata del risparmio energetico Piazza Bovio al buio per cinque minuti
Dalla Regione 3milioni per contrastare i danni all'ambiente Dalla Regione 3milioni per contrastare i danni all'ambiente Una misura per favorire minore produzione di rifiuti e attività di indagine per individuare soggetti responsabili di danni
Coccinelle, gli insetti portafortuna invadono la Bat Coccinelle, gli insetti portafortuna invadono la Bat Legambiente: «Sono innocue e importanti anelli per la salvaguardia del nostro habitat»
Strade provinciali pulite, 4 milioni di euro a Comuni e Province Strade provinciali pulite, 4 milioni di euro a Comuni e Province Interventi straordinari e fototrappole per pulizia, controllo e contrasto all'abbandono illecito ed incivile di rifiuti
Antenne 5G: a Minervino Murge nessuna sperimentazione Antenne 5G: a Minervino Murge nessuna sperimentazione Partite solo in 5 comuni capoluogo. Dal 2022 anche in altri 120 comuni, ma Minervino non è nella lista
Pubblicato il rapporto ecomafia, Puglia tra le prime regioni per reati contro l'ambiente Pubblicato il rapporto ecomafia, Puglia tra le prime regioni per reati contro l'ambiente Bari, Foggia e Lecce fra le prime dieci province per illegalità ambientale in Italia
Festival Ambiente Puglia 2019, oggi l'incontro con il docente Nicolò Carnimeo Festival Ambiente Puglia 2019, oggi l'incontro con il docente Nicolò Carnimeo Incontro a Bari alle ore 19.30
Messina: "Ciclo dell'acqua, eccellenza di Puglia" Messina: "Ciclo dell'acqua, eccellenza di Puglia" La senatrice conferma il suo impegno in Commissione Ambiente
© 2001-2022 MinervinoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MinervinoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.