Vaccino
Vaccino
Attualità

Campagna vaccinale nella Bat, Fials: "Operatori non retribuiti per prestazione aggiuntiva"

La Fials pronta ad adire le vie legali

Una vera e propria vexata questio che non vede ancora una positiva conclusione. I segretari provinciali Fials Bat Angelo Somma e Sergio Di Liddo, hanno sollevato, ancora una volta, la questione relativa alla retribuzione delle prestazioni aggiuntive svolte dai dipendenti dell'Asl Bt, impegnati nella campagna vaccinale anti-Covid su tutto il territorio provinciale.

«Riceviamo molteplici segnalazioni e malcontenti sulla mancata retribuzione delle ore regolarmente svolte. Il mancato pagamento del compenso aggiuntivo in applicazione dell'articolo 1 comma 464 della legge 30 dicembre 2020 n° 178 in favore degli infermieri e degli assistenti sanitari sembrerebbe attribuibile alla circostanza che dal cartellino unico di presenze del personale dipendente, alla voce saldo del mese di riferimento, compaia il segno meno» hanno spiegato Somma e Di Liddo.

«Forse la Asl non sa che sempre dalla stampa del predetto cartellino è desumibile, nel riquadro "mensile", la comparsa di altre voci denominate: saldo mese precedente, saldo definitivo.
Questo accade perché l'elaborazione del turno di servizio come anche il conguaglio non sempre può risultare positivo nel mese, altrimenti tutti si ritroverebbero a fine anno a possedere un totale di ore in eccedenza che non verrebbero mai retribuite dalla Asl» hanno rilevato.

«Inoltre, non considerando la voce saldo definitivo come elemento imprescindibile per tenere sotto controllo il debito orario, ci potremmo trovare al contrario nell'assurda situazione che i dipendenti dovrebbero recuperare decine di ore alla voce saldo definitivo, ma solo perché nel mese di riferimento si trova in positivo o a pareggio e solo in tal caso viene corrisposto il compenso per le prestazioni aggiuntive».

Fials ha chiesto «di retribuire con il cedolino paga di settembre, a tutto il personale interessato alla campagna vaccinale e non, i compensi per le prestazioni aggiuntive tenendo in considerazione il conteggio al saldo definitivo orario di ciascun dipendente e non del saldo contabilizzato mensilmente.

Tale comportamento, posto in essere in questa circostanza dall'Asl Bt, rassomiglia tanto al "gioco delle tre carte" con il saldo provvisorio, saldo mensile e saldo» hanno aggiunto dall'organizzazione sindacale «confidando sempre che l'amministrazione Asl Bt, utilizzando il buon senso, eviti di dare la possibilità a chi pensa male di affermare che tutto questo sia dovuto al recupero di una parte dell'enorme spesa sostenuta per la campagna vaccinale». In mancanza di riscontro la Fials sarebbe pronta a intraprendere azioni legali.
  • asl BAT
Altri contenuti a tema
Presentato il nuovo ospedale di Andria, Emiliano: "Obiettivo, un Policlinico della Bat" Presentato il nuovo ospedale di Andria, Emiliano: "Obiettivo, un Policlinico della Bat" Il progetto illustrato a Castel del Monte
Una nuova ambulanza per Minervino Murge Una nuova ambulanza per Minervino Murge Le dichiarazioni del dg Alessandro Delle Donne
Al via in Puglia la campagna di vaccinazione antinfluenzale Al via in Puglia la campagna di vaccinazione antinfluenzale Proseguirà almeno fino a tutto il mese gennaio 2021
Scuola, dalla Asl Bt un questionario di autovalutazione per la prevenzione da Covid-19 Scuola, dalla Asl Bt un questionario di autovalutazione per la prevenzione da Covid-19 Formate anche squadre dedicate che interverranno in caso di necessità
DiversaMente prendersi cura, sabato il secondo modulo del corso di alta formazione DiversaMente prendersi cura, sabato il secondo modulo del corso di alta formazione Opportunità di confronto in un percorso formativo in modalità webinar
USCA, solo 26 medici di continuità assistenziale hanno aderito al bando USCA, solo 26 medici di continuità assistenziale hanno aderito al bando Solo 2 nella Bat. Montanaro: «Sono pochi, dovremo integrare gli organici con strategie alternative»
Precari in prima linea contro il coronavirus, «chiediamo stabilità lavorativa» Precari in prima linea contro il coronavirus, «chiediamo stabilità lavorativa» Lettera aperta di 66 Operatori Socio Sanitari della Asl Bat
Attivo a Canosa il Presidio Post Covid della Asl Bat Attivo a Canosa il Presidio Post Covid della Asl Bat Pronto per ospitare pazienti in fase di regressione di patologia o in fase pre-Covid
© 2001-2021 MinervinoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MinervinoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.