agricoltura
agricoltura
Attualità

Agricoltura, aumento ore lavorate. "Necessario prorogare permessi di soggiorno"

L'analisi Coldiretti Puglia

Con un balzo del 17,4% crescono le ore lavorate in agricoltura che non si è mai fermata anche durante le fasi più acute della pandemia per garantire le forniture alimentari alla popolazione. E' quanto emerge dall'analisi della Coldiretti Puglia, che conta 112mila occupati in agricoltura, il 12% del totale del mercato del lavoro in Puglia, sulla base dei dati Istat relativi al secondo trimestre del 2021 che conferma la dinamicità del settore in grado di offrire opportunità sia per fare una esperienza di lavoro come dipendenti che per esprimere creatività imprenditoriale. Una domanda di lavoro sostenuta - precisa la Coldiretti regionale - con l'avvicinarsi dell'autunno per l'entrata a pieno regime della raccolta dei frutti autunnali, dell'uva da tavola, mentre sta per avvicinarsi quella delle olive.

Da qui la necessità di prorogare – afferma Coldiretti Puglia - i permessi di soggiorno almeno fino al 31 dicembre 2021, onde evitare che molti lavoratori siano costretti a tornare nel loro Paese. Si tratta peraltro di operai agricoli stagionali qualificati che ormai da anni – sottolinea la Coldiretti regionale – sono impiegati sul territorio regionale, tanto da essere diventati indispensabili per l'attività di molte aziende nostrane, con cui in molti casi sono nati rapporti anche di amicizia.

Ma per rassicurare il sistema produttivo – insiste Coldiretti Puglia - è importante anche anticipare la pubblicazione del decreto flussi per il 2021 che possa consentire la presentazione sia delle istanze per lavoro stagionale che le richieste di conversione dei permessi stagionali.

Due provvedimenti necessari – ricorda Coldiretti Puglia – anche per evitare il rischio dell'infiltrazione nel mercato del lavoro agricolo di persone senza scrupoli che potrebbero sfruttare la difficoltà delle aziende, anche approfittando dei problemi causati dalla pandemia.

La Coldiretti ricorda che in Puglia è ottenuto da mani straniere più di un quarto del Made in Italy a tavola, con oltre 38mila lavoratori stranieri che forniscono il 22,4% del totale delle giornate di lavoro, solo nella provincia di Foggia si contano oltre 973mila giornate di lavoro fornite da lavoratori stagionali stranieri, il 27,61% del totale delle giornate di lavoro necessarie al settore.

Ma per salvare le produzioni Made in Italy occorre anche – conclude Coldiretti Puglia - dare la possibilità a percettori di ammortizzatori sociali, studenti e pensionati italiani di poter lavorare nei campi attraverso una radicale semplificazione del voucher "agricolo", un provvedimento essenziale in un momento in cui le fasce più deboli della popolazione sono in difficoltà.
  • coldiretti puglia
Altri contenuti a tema
Reti idriche colabrodo, il 57% di Puglia a rischio desertificazione Reti idriche colabrodo, il 57% di Puglia a rischio desertificazione L'allarme di Coldiretti contro accaparramenti e speculazioni
Allarme cibi stranieri, "Sei volte più nocivi del made in Italy" Allarme cibi stranieri, "Sei volte più nocivi del made in Italy" L'analisi di Coldiretti
Aumento costi energia, "Stangata su cittadini e imprese" Aumento costi energia, "Stangata su cittadini e imprese" Coldiretti denuncia: "Un aggravio insostenibile"
Tempo di mandorle, ottima qualità ma il clima causa calo di produzione Tempo di mandorle, ottima qualità ma il clima causa calo di produzione Le prime stime di Coldiretti
L'intero territorio della Bat a rischio idrogeologico L'intero territorio della Bat a rischio idrogeologico L'allarme di Coldiretti
Crolla del 40% la produzione di miele, l'SOS delle api in Puglia Crolla del 40% la produzione di miele, l'SOS delle api in Puglia Azzeramento fioriture e impollinazione a causa del clima pazzo
Consumi, balzo di quasi il 13% per il prezzo del latte Consumi, balzo di quasi il 13% per il prezzo del latte Sulle stalle pesano costi di produzione e clima avverso
Qualità e sicurezza, i consumatori preferiscono il cibo Made in Puglia Qualità e sicurezza, i consumatori preferiscono il cibo Made in Puglia Crescono del 14,4% le vendite dei prodotti agroalimentari pugliesi
© 2001-2021 MinervinoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MinervinoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.