Povertà
Povertà
Attualità

200mila poveri in Puglia, la stima di Coldiretti: «Necessario sostegno pubblico e solidarietà»

Importante stanziamento di 500milioni del DL Sostegni per far fronte all'emergenza causata anche dal covid

Con 200mila persone che in Puglia si trovano in una situazione di povertà assoluta è importante lo stanziamento di un fondo da 500 milioni per consentire ai comuni di finanziare i buoni per la spesa alimentare e il sostegno al pagamento dei canoni di locazione e delle utenze domestiche previsto dalla bozza del decreto Sostegni bis. È quanto afferma la Coldiretti Puglia, nel sottolineare che l'emergenza Covid ha impoverito più di una famiglia su quattro (28,8%) che ha dichiarato nel 2020 un peggioramento della situazione economica rispetto all'anno precedente.

La punta dell'iceberg delle difficoltà in cui si trova la Puglia è rappresentata dal numero cresciuto esponenzialmente di persone a rischio povertà, con un'incidenza media pari al 30,4%. Si tratta del valore più elevato degli ultimi quindici anni, dove fra i nuovi poveri sono coloro che hanno perso il lavoro, piccoli commercianti o artigiani che hanno dovuto chiudere, le persone impiegate nel sommerso che non godono di particolari sussidi o aiuti pubblici e non hanno risparmi accantonati, come pure molti lavoratori a tempo determinato o con attività saltuarie che sono state fermate dalla limitazioni rese necessarie dalla diffusione dei contagi per Covid.

Le iniziative solidali sono tanto più importanti considerato che l'avanzare dell'emergenza coronavirus ha fatto salire di oltre 200mila i nuovi poveri che hanno bisogno di aiuto anche per mangiare per effetto della crisi economica e sociale provocata dalla pandemia e dalla conseguente perdita di opportunità di lavoro. Una catastrofe sociale senza precedenti dal dopoguerra contro la quale – aggiunge Coldiretti Puglia – è importante garantire interventi anche sul piano alimentare a chi si trova in difficoltà.

Persone e famiglie che mai prima d'ora – precisa la Coldiretti regionale – avevano sperimentato condizioni di vita così problematiche. Contro la povertà – sottolinea la Coldiretti regionale – è cresciuta la solidarietà che si è estesa dalle organizzazioni di volontariato alle imprese e ai singoli cittadini.

Con la crisi un numero crescente di persone è costretta a far ricorso alle mense dei poveri e molto più frequentemente – sottolinea la Coldiretti – ai pacchi di aiuto alimentare, anche per le limitazioni rese necessarie dalla pandemia. Fra i nuovi poveri – continua la Coldiretti – ci sono coloro che hanno perso il lavoro, piccoli commercianti o artigiani che hanno dovuto chiudere, le persone impiegate nel sommerso che non godono di particolari sussidi o aiuti pubblici e non hanno risparmi accantonati, come pure molti lavoratori a tempo determinato o con attività saltuarie che sono state fermate dalla limitazioni rese necessarie dalla diffusione dei contagi per Covid.

«Con la spesa sospesa ancora attiva nella nostra rete di Campagna Amica continuiamo a dare un segno tangibile della solidarietà degli agricoltori verso le fasce più deboli della popolazione più colpite dalle difficoltà economiche. Il nostro obiettivo è far sì che questa esperienza non resti limitata a questa occasione ma diventi un fenomeno strutturale», spiega Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

Persone e famiglie che mai prima d'ora – precisa la Coldiretti – avevano sperimentato condizioni di vita così problematiche. In realtà il piano di aiuti pubblico– continua la Coldiretti – è stato già anticipato nei fatti dall'impegno di quasi 1 italiano su 3 (30%) che ha partecipato quest'anno a iniziative di solidarietà, fa beneficienza e donazioni per aiutare le famiglie più bisognose piegate dal peso della crisi causata dall'emergenza Covid. Nel 2020 sono stati oltre 5 milioni i chili di prodotti tipici Made in Italy, a chilometri zero e di altissima qualità distribuiti dagli agricoltori della Coldiretti e Campagna Amica per garantire un pasto di qualità ai più bisognosi di fronte alla crescente emergenza provocata dalla pandemia Covid. Si tratta – conclude la Coldiretti – della più grande offerta gratuita di cibo mai realizzata dagli agricoltori italiani per aiutare a superare l'emergenza economica e sociale provocata dalla diffusione del coronavirus e dalle necessarie misure di contenimento.
  • coldiretti puglia
  • Povertà
Altri contenuti a tema
In Puglia è obeso un bambino su 3, tendenza aggravata dalla pandemia In Puglia è obeso un bambino su 3, tendenza aggravata dalla pandemia L'analisi di Coldiretti e l'avvio dell'educazione alimentare nelle scuole
Banca delle terre, nella Bat 340 ettari a disposizione dei giovani agricoltori Banca delle terre, nella Bat 340 ettari a disposizione dei giovani agricoltori Aperto il quarto bando per la vendita dei terreni ISMEA, atteso capitale da 27 milioni da reinvestire sui giovani
Rischio idrogeologico, manutenzione e disservizi: la Puglia perde acqua Rischio idrogeologico, manutenzione e disservizi: la Puglia perde acqua Invasi svuotati per 18milioni di metri cubi in un mese
Allarme smog nelle città di Puglia, «Creare foreste urbane» Allarme smog nelle città di Puglia, «Creare foreste urbane» L'allarme di Coldiretti in occasione della Giornata mondiale dell'ambiente
2 Giugno in zona gialla, tutto esaurito per gite fuori porta in Puglia 2 Giugno in zona gialla, tutto esaurito per gite fuori porta in Puglia Nonostante il crack da oltre 100 milioni causato dalla pandemia, cresce del 17% il settore agrituristico
Green Pass, Coldiretti: «In Puglia salva turismo e agricoltura» Green Pass, Coldiretti: «In Puglia salva turismo e agricoltura» Via libera a 150mila lavoratori europei per ortofrutta, vendemmia e olive
Ritorno in palestra e pesce per rimettersi in forma. Coldiretti: «Attenzione all'etichetta» Ritorno in palestra e pesce per rimettersi in forma. Coldiretti: «Attenzione all'etichetta» I consigli di Coldiretti per riconoscere pesce fresco e non cadere in inganni pericolosi per la salute
In Puglia scomparsi 3 frutti su 4. Coldiretti: «Azione di recupero decisiva per preservare biodiversità» In Puglia scomparsi 3 frutti su 4. Coldiretti: «Azione di recupero decisiva per preservare biodiversità» Con 21mila ettari di frutteto da recuperare, la Puglia si impegna a salvare il suo patrimonio agroalimentare
© 2001-2021 MinervinoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MinervinoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.