Agriturismo
Agriturismo
Attualità

2 Giugno in zona gialla, tutto esaurito per gite fuori porta in Puglia

Nonostante il crack da oltre 100 milioni causato dalla pandemia, cresce del 17% il settore agrituristico

Tutto esaurito per la festa della Repubblica che cade a metà settimana con la grande maggioranza dei pugliesi che sceglie una scampagnata o una gita fuori porta al mare e in campagna con rientro in giornata per la mancanza di tempo disponibile. È quanto afferma la Coldiretti Puglia, nel sottolineare il boom di prenotazioni per il pranzo del 2 giugno nei 900 agriturismi pugliesi, dopo il via libera ai pranzi e alle cene anche al coperto in tutte le realtà della ristorazione.

Nonostante il crack da oltre 100 milioni di euro causato dalla pandemia, non si sono arresi gli agricoltori che investono nel settore agrituristico con una crescita a 2 cifre del 17% in Puglia, sulla base dei dati di Terranostra regionale, associazione agrituristica di Coldiretti.

"Gli agricoltori stanno mostrando una grande voglia di affrontare il futuro con energia e competenza, convinti che saranno proprio gli agriturismi con l'accoglienza familiare nelle campagne e il cibo di straordinaria qualità a garantire la ripresa e a regalare ai consumatori sicurezza e al contempo la serenità del ritorno alla normalità, dopo oltre 1 anno di pandemia causata dal Covid", afferma Filippo De Miccolis, presidente di Terranostra Puglia.

Dal pranzo sul plaid con i piedi sull'erba, alle coking class, dall'agri-aperitivo a bordo piscina o tra i filari, ma c'è anche chi si è attrezzato per ospitare i commensali nel granaio, tra i vigneti. Sono molte le curiosità proposte negli agriturismi con distanziamento naturale, sicurezza e intraprendenza che sono le parole chiave del nuovo inizio 'post Covid' degli agriturismi aderenti a Campagna Amica-Terranostra, la rete degli agriturismi di qualità promossa da Coldiretti.

"L'agriturismo ha aumentato la disponibilità di accoglienza turistica – spiega De Miccolis - offrendo una lettura positiva del territorio pugliese e, pertanto, lo sviluppo dell'agriturismo significa maggiore capacità di attrazione da parte della Puglia a beneficio dell'intera economia regionale. L'ospitalità nelle strutture agrituristiche assume una rilevanza fondamentale per la salvaguardia del patrimonio rurale che, oggi, è il fiore all'occhiello del turismo regionale".

Coldiretti Puglia auspica che con il green pass Ue possano arrivare in Puglia i quasi 11 milioni di presenze stimate per l'estate 2021 di turisti stranieri che prima della pandemia erano venuti in vacanza durante l'estate con una spesa turistica pari a 700 milioni di euro per alloggio, alimentazione, trasporti, divertimenti, shopping e souvenir.

La Puglia – sottolinea la Coldiretti regionale - è fortemente dipendente dall'estero per il flusso turistico con oltre 3,8 milioni di pernottamenti di turisti stranieri che la scorsa estate hanno dovuto rinunciare a venire in Puglia per effetto delle limitazioni e alle preoccupazioni per la diffusione del contagio. L'assenza di stranieri in vacanza in Puglia grava sull'ospitalità turistica nelle mete più gettonate che risentono notevolmente della loro mancanza anche perché – sottolinea Coldiretti Puglia – i turisti dall'estero da paesi come gli Stati Uniti, la Gran Bretagna o la Cina hanno tradizionalmente una elevata capacità di spesa ma che adesso sono anche quelli che stanno procedendo velocemente nella campagna di vaccinazione.

Il ritorno dei vacanzieri dall'estero in Puglia è strategico per l'ospitalità turistica nelle mete più gettonate– conclude la Coldiretti regionale – e ad essere avvantaggiate saranno soprattutto le città d'arte, che sono le storiche mete del turismo dall'estero, ma anche gli agriturismi della Puglia dove gli stranieri secondo Campagna Amica rappresentano tradizionalmente oltre la metà degli ospiti, con il cibo che è diventato la voce principale del budget delle famiglie in vacanza con circa un terzo della spesa di italiani e stranieri destinato alla tavola per consumare pasti in ristoranti, pizzerie, trattorie o agriturismi, ma anche per cibo di strada o specialità enogastronomiche.
  • coldiretti puglia
Altri contenuti a tema
In Puglia è obeso un bambino su 3, tendenza aggravata dalla pandemia In Puglia è obeso un bambino su 3, tendenza aggravata dalla pandemia L'analisi di Coldiretti e l'avvio dell'educazione alimentare nelle scuole
Banca delle terre, nella Bat 340 ettari a disposizione dei giovani agricoltori Banca delle terre, nella Bat 340 ettari a disposizione dei giovani agricoltori Aperto il quarto bando per la vendita dei terreni ISMEA, atteso capitale da 27 milioni da reinvestire sui giovani
Rischio idrogeologico, manutenzione e disservizi: la Puglia perde acqua Rischio idrogeologico, manutenzione e disservizi: la Puglia perde acqua Invasi svuotati per 18milioni di metri cubi in un mese
Allarme smog nelle città di Puglia, «Creare foreste urbane» Allarme smog nelle città di Puglia, «Creare foreste urbane» L'allarme di Coldiretti in occasione della Giornata mondiale dell'ambiente
Green Pass, Coldiretti: «In Puglia salva turismo e agricoltura» Green Pass, Coldiretti: «In Puglia salva turismo e agricoltura» Via libera a 150mila lavoratori europei per ortofrutta, vendemmia e olive
Ritorno in palestra e pesce per rimettersi in forma. Coldiretti: «Attenzione all'etichetta» Ritorno in palestra e pesce per rimettersi in forma. Coldiretti: «Attenzione all'etichetta» I consigli di Coldiretti per riconoscere pesce fresco e non cadere in inganni pericolosi per la salute
In Puglia scomparsi 3 frutti su 4. Coldiretti: «Azione di recupero decisiva per preservare biodiversità» In Puglia scomparsi 3 frutti su 4. Coldiretti: «Azione di recupero decisiva per preservare biodiversità» Con 21mila ettari di frutteto da recuperare, la Puglia si impegna a salvare il suo patrimonio agroalimentare
Giornata della biodiversità, le ricchezze di Puglia con 245mila ettari di aree naturali protette Giornata della biodiversità, le ricchezze di Puglia con 245mila ettari di aree naturali protette La nostra regione conta un enorme patrimonio "biodiverso" ed è la seconda regione più bio d'Italia
© 2001-2021 MinervinoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MinervinoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.