Caporalato lavoro nero
Caporalato lavoro nero
Territorio

Il caporalato, “briganti” del nostro tempo

Sabato un incontro diocesano

La comunità parrocchiale del SS. Sacramento, in collaborazione con gli Uffici della Diocesi di Andria: per la Pastorale Sociale e del Lavoro, Migrantes, Caritas e la Casa Accoglienza "S. Maria Goretti", propone una riflessione per guidare al discernimento della realtà, con un incontro-dibattito che si terrà domani 15 febbraio, alle ore 19:00 presso l'Auditorium "Mons. Di Donna" in via Saliceti, di Andria.

Prendersi cura del prossimo significa saper riconoscere anche nella nostra società quei fenomeni che possono produrre agli uomini e alle donne sofferenza e degrado.

Il caporalato è su un fenomeno che negli ultimi anni ha riempito molte pagine di cronaca, tanto da indurre il Parlamento Italiano a varare la legge 199 del 29 ottobre 2016. La Legge contro il caporalato recante: disposizioni in materia di contrasto ai fenomeni del lavoro nero, dello sfruttamento del lavoro in agricoltura e di riallineamento retributivo nel settore agricolo.

Ispirandosi alla parabola del Buon Samaritano: «Un uomo scendeva da Gerusalemme a Gerico e cadde nelle mani dei briganti, che gli portarono via tutto, lo percossero a sangue e se ne andarono, lasciandolo mezzo morto...» (Lc 10,30). La strada da Gerusalemme a Gerico è assunta a simbolo della vita di ogni persona, lungo la quale si possono incontrare nuovi "briganti" che, nel nostro tempo, possono essere: un datore di lavoro che sfrutta, toglie la dignità del lavoro o perseguita per il colore della pelle; un figlio imprigionato nelle tante dipendenze; il miraggio del denaro facile e del successo ad ogni costo.

La riflessione a più voci vedrà la presenza di:

- Stefano Campese, avvocato, Coordinatore regionale del Progetto Presidio della Caritas Italiana.
- Gaetano Riglietti, segretario generale della FLAI CGIL Bat,
- Dott. Yvan Sagnet, Presidente Fondatore dell'Associazione Anti Caporalato No Cap.
  • Caporalato
© 2001-2020 MinervinoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MinervinoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.