Fillea Bandiere
Fillea Bandiere
Associazioni

Sciopero edili, il 15 marzo in piazza i lavoratori delle costruzioni

Previste assemblee ad Andria e Barletta in vista della manifestazione a Roma

Verso lo sciopero generale delle costruzioni proclamato da Fillea, Filca e Feneal per il 15 marzo nel territorio della Bat si terrà un'assemblea unitaria presso la Buzzi-Unicem di Barletta, domani venerdì 8 marzo, alla quale sarà presente anche il segretario generale Cgil Bat, Peppino Deleonardis ed un'assemblea presso la Camera del lavoro di Andria lunedì 11 marzo alle ore 17.30 alla presenza di Ignazio Savino, segretario generale Fillea Bat-Foggia e Peppino Deleonardis. I sindacati saranno in piazza il 15 marzo perché "per rilanciare il Paese occorre una politica industriale in grado di rilanciare l'intera filiera delle costruzioni: dall'edilizia ai materiali, dal settore del legno e arredo al cemento, dai lapidei al settore dei laterizi". "Abbiamo chiesto un tavolo a Palazzo Chigi – spiegano i rappresentanti di Fillea, Filca e Feneal - dove affrontare la più grave crisi dei nostri settori dal dopo guerra ad oggi, per dare una risposta alle oltre 600 mila persone che hanno perso il lavoro e al milione che rischia di perderlo".

Per queste ragioni è stato proclamato lo sciopero generale di 8 ore, intero turno, per il prossimo 15 marzo in tutti i settori dell'intera filiera delle costruzioni: si fermeranno i cantieri, le fabbriche del legno e dell'arredo, le cave e le fornaci, le cementerie per l'intera giornata con migliaia di lavoratori e disoccupati che manifesteranno a Roma a sostegno delle proposte concrete e fattibili che come Sindacato abbiamo avanzato e su cui il Governo non vuol confrontarsi.

"Serve riaprire i cantieri con politiche mirate che intervengano tanto con strumenti finanziari mirati per le imprese del settore (un Fondo nazionale di Garanzia) che per sbloccare le grandi opere da Nord a Sud. Serve una politica di investimenti mirati in grado di essere immediatamente tradotti in piani straordinari per la messa in sicurezza di territori, strade, ponti. Occorre una sistematizzazione degli incentivi, da quelli per le ristrutturazioni a quelli per il risparmio energetico e per il bonus mobile. Serve una politica di tutela e riconversione dell'occupazione nei settori dei materiali, serve qualificare l'impresa e contrastare il dumping contrattuale con un sistema che premi qualità e sicurezza. Occorre accelerare sugli appalti verdi al fine di premiare chi fa ricerca ed innovazione nei nostri settori. Serve una sburocratizzazione mirata di diversi passaggi del Codice Appalti senza ridurre tutele e diritti e senza tornare alla liberalizzazione dei sub appalti o al massimo ribasso. Servono, cioè, politiche di sviluppo, come richiesto dalla stessa piattaforma di Cgil, Cisl e Uil", commentano i rappresentanti sindacali del settore.
  • Sindacati
Altri contenuti a tema
Relazioni sindacali e appalti, due protocolli condivisi da Cgil, Cisl e Uil Relazioni sindacali e appalti, due protocolli condivisi da Cgil, Cisl e Uil «I diritti dei lavoratori e la legalità, l’asse centrale delle politiche sociali»
Sanità, incontro tra Asl Bt e sindacati: progetti per Minervino Sanità, incontro tra Asl Bt e sindacati: progetti per Minervino Cgil Bat e Fp Cgil Bat: «E' il momento di potenziare l’assistenza sanitaria territoriale»
Nuova discarica in contrada Tufarelle, perplessi i residenti di Minervino Nuova discarica in contrada Tufarelle, perplessi i residenti di Minervino La Uil Bat si schiera al fianco delle popolazioni
© 2001-2019 MinervinoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MinervinoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.