banca popolare di bari
banca popolare di bari
Attualità

Precipita il valore delle azioni della Banca Popolare di Bari

Perdite per oltre 100 milioni di euro nella relazione semestrale secondo l'Aduc

Il prezzo minimo di inserimento delle proposte per le azioni della Banca Popolare di Bari (in possesso di non pochi risparmiatori del nord barese) è in discesa e secondo gli esperti oscillerà intorno ai 2.38 euro, rispetto all'abbassamento già avvenuto nel mese di giugno (da 5.40 a 3.89 euro).

Sono in vigore da martedì 28 agosto i nuovi parametri di negoziazione per le azioni BpB, a conclusione del periodo di dodici mesi in cui il regolamento del circuito Hi-Mtf Sim ha consentito il rallentamento del crack di quotazioni del titolo.

Hi-Mtf Sim è una società per azioni che gestisce un mercato alternativo alla borsa tradizionale, su cui è possibile negoziare strumenti finanziari. Soci della S.p.A. sono, fra gli altri, l'Istituto centrale delle banche popolari italiane, il Gruppo Banco Popolare e Banca Sella Holding.
L'Hi-Mtf è diviso in Quote driven e Orden driven, due categorie nelle quali si commercializzano titoli differenti. Nel Quote driven sono veicolati dagli aderenti diretti gli ordini ricevuti dai clienti. L'Orden driven è dedicato alle contrattazioni di titoli azionari e obbligazionari, comprati e venduti in due distinti segmenti di mercato.

Secondo l'Aduc, associazione per i diritti degli utenti e consumatori, «è piuttosto difficile che alla quotazione di 2.38 euro possano esserci abbastanza compratori per il numero elevato di azioni BpB che potrebbero essere immesse sul mercato. Banca Popolare di Bari ha emanato una relazione semestrale in cui si legge una perdita di 100.9 milioni di euro dovuta all'azzeramento degli avviamenti per 75.2 milioni e a rettifiche su crediti per 64.9».
  • banca popolare di bari
Altri contenuti a tema
Nuove grane per la Banca Popolare di Bari: arriva una maxi sanzione dalla Consob Nuove grane per la Banca Popolare di Bari: arriva una maxi sanzione dalla Consob Azionisti esasperati chiedono l' intervento del Parlamento
© 2001-2018 MinervinoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MinervinoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.