Danni alle ciliege per il maltempo
Danni alle ciliege per il maltempo
Territorio

Maltempo, disastro nelle campagne pugliesi: gravi danni alle ciliege

Coldiretti Puglia: «Da rivedere il meccanismo del Fondo di Solidarietà Nazionale»

Bombe d'acqua, raffiche di vento fino a 120 chilometri orari e grandinate killer hanno caratterizzato la 'maledetta primavera' 2019 che sta provocando danni in campagna a produzioni agricole e alle strutture. E' quanto emerge dal monitoraggio di Coldiretti Puglia, in riferimento all'ultima ondata straordinaria di maltempo che sta attraversando l'Italia, dopo un inverno in cui sono cadute in Italia 1/3 di precipitazioni in meno, secondo l'analisi della Coldiretti sulla base dei dati Isac Cnr.

"La bufera di vento nei giorni di Pasqua e Pasquetta ha arrecato gravi danni ai vigneti in provincia di Bari, sempre ad aprile una grandinata di inusitata violenza in provincia di Taranto ha colpito oliveti e vigneti, compromettendone in alcuni casi i germogli. Per non parlare della grandinata che ha danneggiato le produzioni e finanche le serre in provincia di Lecce con campi e strade praticamente imbiancati e pericolose lastre di ghiaccio che hanno reso impraticabili i percorsi nelle aree rurali. Oggi si teme per le ciliegie, la cui raccolta ha subito una battuta d'arresto per le forti piogge, con il rischio che il prodotto delicatissimo ne risenta", denuncia Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

Siamo di fronte alle evidenti conseguenze dei cambiamenti climatici anche in Puglia dove l'eccezionalità degli eventi atmosferici è ormai la norma, con una tendenza alla tropicalizzazione che – dice Coldiretti – si manifesta con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo, con sbalzi termici significativi che compromettono le coltivazioni nei campi con pesanti costi a carico dell'agricoltura, tra perdite della produzione e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne.

Da marzo a novembre del 2018 sono stati 11 i tornado e le trombe d'aria che si sono abbattuti sulla Puglia – segnala Coldiretti – a marzo a Lecce, ad aprile a Lequile, a giugno a Santo Spirito di Bari e a San Foca, a settembre a Salice Salentino, a novembre a Taurisano, Martina, Manduria e in provincia di Brindisi e a Parabita, secondo i dati ESWD, l'anagrafe europea degli eventi meteo estremi come tornado, bombe d'acqua, trombe d'aria, tempeste di fulmini.

Da rivedere a fondo il meccanismo del Fondo di Solidarietà Nazionale che così com'è non risponde più alla complessità, violenza e frequenza degli eventi calamitosi "ma anche il meccanismo assicurativo deve essere rivisto – conclude il presidente Muraglia – perché le polizze multirischio non coprono assolutamente le colture dagli eventi estremi che si stanno verificando a causa della tropicalizzazione del clima, oltre ad essere eccessivamente onerose. Anche i periodi in cui possono essere stipulate le polizze non sono più rispondenti alle necessità degli agricoltori".
  • coldiretti puglia
Altri contenuti a tema
Picnic per il 1 maggio? Coldiretti consiglia il decalogo perfetto Picnic per il 1 maggio? Coldiretti consiglia il decalogo perfetto Alcuni consigli per riempire al meglio il tradizionale cestino nel rispetto della tradizione
Frane e alluvioni, a rischio tutti i comuni della BAT Frane e alluvioni, a rischio tutti i comuni della BAT Il dato è stato diffuso da Coldiretti
L'allarme di Coldiretti: «I frantoi di Puglia potrebbero chiudere nel giro di un anno. Solo nella Bat 84» L'allarme di Coldiretti: «I frantoi di Puglia potrebbero chiudere nel giro di un anno. Solo nella Bat 84» Il Presidente Muraglia convocato dal vice premier Di Maio
Settore alimentare, lieve crescita nella BAT Settore alimentare, lieve crescita nella BAT Coldiretti commenta i dati Euroidees
Gelate, è polemica. Interviene anche il Ministro Centinaio che critica i gilet arancioni. La risposta dell'Ass. Di Gioia Gelate, è polemica. Interviene anche il Ministro Centinaio che critica i gilet arancioni. La risposta dell'Ass. Di Gioia Nella vicenda intervengono direttamente anche il Ministro leghista e l'Assessore regionale all'Agricoltura
I gilet arancioni contro Coldiretti: "L'ass. Di Gioia smentisca l'ennesima presa in giro agli agricoltori" I gilet arancioni contro Coldiretti: "L'ass. Di Gioia smentisca l'ennesima presa in giro agli agricoltori" "Coldiretti deve smetterla di prendere in giro gli agricoltori", ha ribadito il portavoce dei gilet arancioni, Onofrio Spagnoletti Zeuli
Anche la Murgia a nord di Bari nella morsa del freddo, con neve a bassa quota Anche la Murgia a nord di Bari nella morsa del freddo, con neve a bassa quota Campagne come piste da sci. La preoccupazione di Coldiretti Puglia
Protesta Coldiretti Puglia: in fumo olivicoltura pugliese 317mln euro persi e 1mln giornate lavoro azzerate Protesta Coldiretti Puglia: in fumo olivicoltura pugliese 317mln euro persi e 1mln giornate lavoro azzerate In 9 mesi importati 304 mln euro di olio proveniente dall'estero
© 2001-2019 MinervinoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MinervinoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.