Carabinieri Forestali
Cronaca

Bracconiere beccato dai Forestali, denunciato

Denunciata anche un'altra persona: aveva reso agricolo un terreno da pascolo

Si è tenuto nella mattinata di ieri presso il Reparto Carabinieri Forestali di Altamura, l'incontro istituzionale tra i militari del Reparto e i vertici del Parco Nazionale dell'Alta Murgia.

Presenti oltre al Comandante Capitano Giuliano Palomba, il nuovo Direttore Domenico Nicoletti e il vice Presidente Cesare Troia. Occasione rinnovare gli intenti di collaborazione istituzionale, pianificare obiettivi e strategie future, tutte indirizzate a garantire sicurezza e controlli nei territori dell'area protetta.

Nel contempo è stato fatto il punto sulle recenti attività svolte dai militari a tutela dei territori del Parco. Tra le più importanti quelle effettuate dalla Stazione Parco di Andria nell'ambito dei controlli sull'esercizio venatorio illegale, alla località "Rinaldi" in agro di Minervino, dove hanno sorpreso un bracconiere che aveva abbattuto un cinghiale dopo averlo catturato con mezzi illegali quali lacci e cavi in acciaio. Sempre a Minervino, loc. "Arcangelo" lo stesso personale di Andria ha individuato una superficie abusivamente dissodata cioè trasformata da pascolo naturale in area agricola, contravvenendo ai categorici divieti imposti dalla Direttiva Europea e dalla Legge Quadro sulle aree protette. In entrambi i casi due soggetti, il primo residente a Minervino, il secondo ad Andria, sono stati deferiti all'Autorità giudiziaria mentre sia le armi che il terreno dissodato di circa 2 ettari, sono stati posti sotto sequestro.

Sempre a tutela della fauna selvatica del Parco, una specifica attività è stata effettuata dalla Stazione di Ruvo di Puglia il cui personale ha sorpreso alla "loc. Patanella" agro di Ruvo di Puglia, un cacciatore in esercizio venatorio con l'ausilio di richiami acustici elettromagnetici vietati dalla normativa di settore. Anche qui è scattato il sequestro delle armi e dello strumento elettromagnetico.
In ultimo l'operazione svolta sempre dalla Stazione Parco di Ruvo che ha scoperto una truffa effettuata ai danni dell'Unione Europea da un soggetto residente in Calabria, consistente nella falsa costituzione di un'azienda agricola avente terreni in agro di Corato e Andria, al fine di avvantaggiarsi dei relativi premi e agevolazioni.

Per il Cap. Giuliano Palomba "Le ultime attività di controllo concretizzano l'impegno dei Carabinieri Forestali su di un territorio ad elevata vocazione ambientale e meritorio di ogni tutela. Nel corso del 2017 sono stati effettuati oltre 7000 controlli che hanno permesso di accertare oltre 80 illeciti penali e 303 illeciti amministrativi. Le persone denunciate sono state 70 mentre le sanzioni amministrative elevate sono state circa 1.000.000 Euro".
  • carabinieri forestali
Altri contenuti a tema
Boschi a fuoco d'estate, parte anche a Minervino Murge la campagna dei Carabinieri forestali 2018 Boschi a fuoco d'estate, parte anche a Minervino Murge la campagna dei Carabinieri forestali 2018 Al lavoro su tutto il territorio oltre 60 pattuglie giornaliere
Agricoltore minervinese denunciato dai Carabinieri Forestali Agricoltore minervinese denunciato dai Carabinieri Forestali E' stato sequestrato un terreno di 40 mila mq per violazione della normativa ambientale
Incendi boschivi: vertice in Prefettura Incendi boschivi: vertice in Prefettura Fondamentale sarà il ruolo del Gruppo Carabinieri Forestale
Premi ai Carabinieri forestali pugliesi in soccorso ad Amatrice Premi ai Carabinieri forestali pugliesi in soccorso ad Amatrice Cerimonia questa mattina ad Andria, presso il locale Comando Stazione di Gurgo
Condizioni igienico - sanitarie non idonee, sigilli ad un caseificio Condizioni igienico - sanitarie non idonee, sigilli ad un caseificio Operazione dei Carabinieri Forestali
La Sagra del fungo cardoncello nel mirino dei Forestali: sequestrati 350kg di alimenti La Sagra del fungo cardoncello nel mirino dei Forestali: sequestrati 350kg di alimenti Denunciati e sanzionati due imprenditori. La manifestazione si è svolta anche a Minervino Murge
Scovata cava abusiva nelle campagne di Minervino Murge Scovata cava abusiva nelle campagne di Minervino Murge Sequestrata un’area di 65.000 metri quadrati: in azione i Forestali
Una cava abusiva nel Parco dell'Alta Murgia Una cava abusiva nel Parco dell'Alta Murgia Sequestrata un’area di 100.000 metri quadrati, denunciato tranese
© 2001-2018 MinervinoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MinervinoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.