Botti di capodanno
Botti di capodanno
Vita di città

Botti: 10 regole per proteggere gli animali

Il decalogo dell'Organizzazione Internazionale Protezione Animali

Come ogni anno, con l'avvicinarsi dei festeggiamenti per il Capodanno, la maggior parte dei Comuni italiani emanano ordinanze più o meno restrittive per vietare l'esplosione di petardi.

"Ottimo segnale - afferma l'Organizzazione Internazionale Protezione Animali - che resta però solo un buon proposito se non accompagnato da controlli reali da parte delle forze dell'ordine, sia tramite monitoraggio delle strade sia rispondendo alle segnalazioni dei cittadini in difficoltà.
Ci appelliamo quindi a loro affinché non minimizzino le conseguenze, dirette e indirette, di una condotta irresponsabile da parte di chi maneggia i petardi. L'inizio del nuovo anno deve essere una gioia per tutti, non motivo di terrore, angoscia e morte.
Informazione e sensibilizzazione sono le chiavi per salvare le vite delle centinaia di animali, domestici e selvatici, che ogni anno muoiono in concomitanza dei festeggiamenti di Capodanno".

Dieci le regole dell'Oipa per proteggere gli animali dai botti:

1- Tenere gli animali lontani dalle zone pericolose
2- Non lasciarli soli ma tranquillizzarli
3- Non lasciarli in giardino, potrebbero fuggire
4- Chiudere porte, finestre e alzare il volume della tv
5- Lasciare che possano rifugiarsi
6- Visita dal veterinario per eventuale somministrazione di farmaci
7- Teniamoli al guinzaglio durante le passeggiate
8- Evitare tranquillanti fai-da-te
9- Organizzare una gita fuori porta per allontanarsi dai centri urbani
10- Sensibilizzare l'opinione pubblica
  • capodanno
Altri contenuti a tema
Botti di capodanno, ferito un giovanissimo Botti di capodanno, ferito un giovanissimo L'episodio in Piazza Bovio
"No ai botti di fine anno", l'ordinanza sindacale li vieta sino al 7 gennaio "No ai botti di fine anno", l'ordinanza sindacale li vieta sino al 7 gennaio Sarà vietato usare botti in tutto il territorio comunale
© 2001-2018 MinervinoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MinervinoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.